ARTE E SCIENZA ONLINE  n 431


 

Centro Studi e Ricerche Serafino Zani

ARTE E SCIENZA ONLINE

APRILE 2024

Abbinato a Informascienza  n. 431

“Arte e scienza online” fa parte del Progetto St.Ar.S. (storia, arte e scienza) dedicato a Franco Rapuzzi,  naturalista e fotografo di tesori artistici bresciani al quale è intitolata l’omonima sala del Museo di Scienze Naturali di Brescia.

Info: scienzapertuttinews@gmail.com;   www.zanihome.it

 

15 aprile 2024, ore 19, evento online

NOT ONLY STARS: DA “DUOMO” A “WILD BOYS”

Ogni mese il prof. Kevin Milani incontra i partecipanti alle lezioni online di “Not only stars”, aperte a tutti gli interessati. Offrono l’opportunità di fare esercizio con la lingua inglese. La prossima è in programma lunedì 15 aprile, alle ore 19 (per partecipare scrivere a: osservatorio@serafinozani.it). Il docente americano è uno dei protagonisti della “Two weeks in Italy” che l’Osservatorio Serafino Zani organizza fin dal lontano 1995. Si tratta di un ciclo di lezioni di astronomia in varie località italiane, lumezzane compresa. Durante i webinars mensili, nei quali il professor Kevin Milani offre un gran numero di stimoli non solo in campo astronomico, vengono messe a confronto immagini scattate sulle due opposte sponde dell’Atlantico, in particolare nel Minnesota, dove vive il docente, e nel Bresciano. Oppure vengono descritte le curiosità linguistiche, come le parole “duomo” e “dome” assai diverse nel loro significato pur apparendo quasi simili.

Oltre alle segnalazioni dei principali eventi celesti del mese vengono presentati i collage realizzati assemblando i titoli dei giornali con parole in inglese, come “best young talent” e “wild boys”.

Ecco dove vedere i collage precedenti:

https://www.facebook.com/photo/?fbid=7842706095748781&set=gm.1378655813013306&idorvanity=320288065516758

Per ulteriori informazioni e per ricevere i codici di accesso alla piattaforma Zoom scrivere a: osservatorio@serafinozani.it
https://www.facebook.com/photo/?fbid=4803476213005133&set=gm.834018677477025

Progetti con le scuole
https://www.facebook.com/itisberetta/photos/a.1602305436655725/3278620532357532/

 

 

FINESTRE SUL CIELO 1

APRILE 2024: CONGIUNZIONI E SPETTACOLARI ECLISSI 

Nel corso di questo mese si può iniziare a familiarizzare con il cielo osservando due interessanti congiunzioni. La prima è quella del 10 aprile quando all’imbrunire, dopo il tramonto, si potrebbe avere la fortuna di vedere sopra l’orizzonte di ponente il pianeta Giove apparentemente vicino ad una esile falce di Luna. Saranno infatti trascorsi solo un paio di giorni dal novilunio dell’8 aprile. Invece l’11 aprile sarà più facile vedere la Luna crescente passare vicina all’ammasso stellare delle Pleiadi. Il novilunio di aprile coincide con uno spettacolare fenomeno astronomico visibile dal Messico, Stati Uniti e Canada. Si tratta dell’eclisse totale di Sole dell’8 aprile. Numerosi i collegamenti livestreams come quelli organizzati dalla NASA sempre disponibili all’indirizzo seguente: https://www.youtube.com/watch?v=2MJY_ptQW1o

Molto particolare l’eclissi in mongolfiera ad alta quota del prof. Rick Eason.

https://www.youtube.com/live/2W2GTn2FbAs?feature=shared

https://ece.umaine.edu/faculty/richard-eason/

L’Osservatorio Serafino Zani invita coloro che hanno amici e conoscenti nei luoghi dell’eclissi a condividere le immagini. Le fotografie che interessano di più sono quelle dei siti di osservazione e del pubblico che segue l’evento celeste. Le immagini verranno proiettate e commentate nel corso di un evento che avrà luogo online. A chi ne farà richiesta verranno inviati i dettagli per poterlo seguire. Info: osservatorio@serafinozani.it

https://www.youtube.com/watch?v=8Ah7evQHKko

Ogni mese le “Finestre sul cielo” promuovono l’osservazione dei corpi e dei fenomeni celesti visibili ad occhio nudo. Si tratta di eventi e di astri che si vedono facilmente, accessibili a persone di ogni età, come le congiunzioni del 10 e 11 aprile. Queste osservazioni senza strumenti ottici, guidate anche a distanza, possono coinvolgere le scuole e le famiglie come suggerisce il “Progetto Cielo”. 

Info: osservatorio@serafinozani.it

 PROGETTO CIELO: https://www.facebook.com/scienzagiovanissimi/photos/a.353703898151327/1850351995153169

GLI SPETTACOLI DEL FIRMAMENTO: https://www.facebook.com/scienzagiovanissimi/photos/a.353703898151327/1819279298260439/

 

FINESTRE SUL CIELO 2

VEDETTE CELESTI: CICERONI DELLA NOTTE A TUTTE LE ETA’ 

Ecco come avvicinare i giovanissimi all’osservazione del cielo. L’iniziativa “Vedette celesti” invita ragazze e ragazzi a riconoscere gli astri principali cominciando con le tre stelle più luminose dell’estate. Con l’aiuto della mappa del cielo e dei consigli dell’Osservatorio Serafino Zani, che verranno spediti ai genitori, anche i giovanissimi potranno facilmente riconoscere i tre astri più facili della bella stagione. Per esercitarsi basta guardare il firmamento dalla terrazza di casa o nelle vicinanze del luogo dove si vive. Poi, quando le “vedette celesti” saranno pronte per mettersi alla prova, verranno invitate a visitare l’Osservatorio Serafino Zani (Colle San Bernardo, Lumezzane Pieve, aperto da maggio a settembre il sabato sera alle ore 21, tranne l’ultimo sabato del mese. Ingresso libero). Grazie all’incontro con un osservatore esperto i ragazzi potranno verificare le loro capacità nel riconoscimento delle stelle estive più brillanti. A quel punto saranno pronti per insegnare ad amici e parenti quello che hanno imparato. Poi, chissà, magari a quei tre astri se ne aggiungeranno altri e così aumenteranno le stelle alle quali sapranno dare un nome. 

Info: osservatorio@serafinozani.it

Aprile 2024

ALLA SCOPERTA DELLA NATURA DI PROSSIMITA’: DALLA “VALLE DEL NOBEL” ALL’INCONTRO NOTTURNO DEL MONTE SOLITARIO

Vi invitiamo a partecipare alle gite della serie “Alla scoperta della natura di prossimità”. Non dimenticate la macchina fotografica! Vogliamo valorizzare le vostre immagini, soprattutto quando le scatterete nelle gite che attraversano o sono nelle vicinanze di  aree naturali protette. 

Tra le prossime destinazioni non mancano quelle all’interno o nelle vicinanze di parchi e riserve naturali, come la Riserva naturale delle Valli di Sant’Antonio, in provincia di Brescia, e il Parco Naturale dell’Alta Val Borbera, istituito nel 2019 in una delle ultime vallate all’estremo sud-orientale del Piemonte.

Ecco le mete del mese: 1 aprile, Grande balconata  sul Sebino – Predore (Bergamo); 13 aprile, Val Brandet, Corteno Golgi; 19 aprile, Bosco di notte sul monte Orfano, Rovato; 21 aprile, Rifugio Malgaluna, Sovere (Bergamo); 25 aprile,    Panchina gigante Fonteno-lago fossile (Bergamo); 26-28 aprile, Val Borbera (Alessandria).

Sulla pagina Facebook di Paola Roncaglio trovate sempre il programma delle escursioni. Scriveteci, prima di partecipare alla gita, per saperne di più su questa iniziativa e per conoscerne i vantaggi. Info: scienzapertuttinews@gmail.com Le schede dei parchi bresciani sono pubblicate sul sito www.parchibresciani.it;
Le escursioni sono guidate dalla dott.ssa Paola Roncaglio. www.parchibresciani.it; https://www.facebook.com/paolanaturatrek

 

https://www.facebook.com/photo/?fbid=798486068974565&set=a.465681462255029

 

 

Aprile 2024

RADIO St.Ar.S.: DALLE STELLE RUBATE A DIANA “ROSSA SANGUIGNA”

Il progetto “Idiomi celesti” promuove la conoscenza del cielo visibile a tutti.

 

Peccato che le stelle siano cancellate dalle luci artificiali.

L’inquinamento luminoso è proprio il tema di una delle registrazioni disponibili. 

La volta scorsa ci avevi suggerito l’ascolto della puntata sulla Via Lattea.

Le prime due si possono ascoltare sulla pagina seguente: https://zanihome.it/lume-online-gennaio-2024-n-40-2/

I testi sono in lingua italiana, ladina e …dialetto lumezzanese!

Ci sono tanti altri file audio sui temi di scienza, storia e arte come quello ispirato dalla mostra Per Diana! Giacomo Ceruti, capolavori tra Lombardia e Veneto. Era stata ideata dai curatori del Museo Martes, Il Museo d’arte Luciano Sorlini di Calvagese della Riviera in provincia di Brescia. 

 

Per ricevere le registrazioni scrivere a: scienzapertuttinews@gmail.com

Inoltre ci sono tantissimi podcast anche In altre lingue come quelli che vi segnaliamo nell’ambito dell’iniziativa Non solo stelle…in francese! 

 

Ecco quelli che vi suggeriamo questo mese: 

NEW YORK 1888: GLI IMPRESSIONISTI SULLA QUINTA AVENUE

VISITARE I VIVENTI, UN VIAGGIO IMMERSIVO E INTERATTIVO CON SONORO 3D

IMBARCO IMMEDIATO! LA STORIA DELL’AEROPORTO DI ROISSY

Per sapere a quale pagina ascoltarli scrivere a scienzapertuttinews@gmail.com

 

 

APRILE 2024, GRUPPO DI LETTURA “LIBRI AL MUSEO”

“WASHINGTON SQUARE” DI HENRY JAMES

 

Il gruppo di lettura “Libri al Museo”, vi invita a partecipare al prossimo appuntamento. Il libro oggetto della serata è “Washington Square” di Henry James.

Le precedenti letture erano state dedicate ai libri scritti da Edith Wharton, “Sorelle Bunner”, John Banville, “La notte di Keplero”, Joana Karda, “Le molte vite di Magdalena Valdez”, Jhumpa Lahiri “La moglie” e Ada d’Adamo, “Come d’aria”.

Interviste e presentazioni dedicate ai libri scelti dal gruppo di lettura: Ada d’Adamo, “Come d’aria”.

Premi Flaiano (27 marzo 2023; durata 1 ora e 2 minuti),  https://www.youtube.com/watch?v=KqcY_QKMN9k

Presentazione del libro vincitore del Premio Strega 2023 (26 ottobre 2023, durata  1 ora e 21 minuti) 

https://www.youtube.com/watch?v=zAuoa49X2GU

Per conoscere l’elenco completo delle letture precedenti o come partecipare alla prossima riunione scrivere a: scienzapertuttinews@gmail.com

Verrà comunicata anche la data. Le riunioni hanno luogo online alle ore 21.

https://www.facebook.com/photo?fbid=4162407357114627&set=gm.3846426748788002

L’idea del gruppo di lettura ha preso spunto dalle “Buone pratiche per tutte le associazioni culturali”.

http://www.parchibresciani.it/le-buone-pratiche-culturali/

Il gruppo “Libri al Museo” è nato nel 2012 presso il Museo di Scienze Naturali di Brescia dove da decenni operano attivamente numerosi sodalizi a carattere scientifico. Dal 2021 gli incontri si svolgono online. 

 

 

RASSEGNA MENSILE DI “ARTE E SCIENZA”

 

DISEGNARE LA NATURA – 1

PROROGATA AL 15 APRILE LA SCADENZA DELLA TERZA EDIZIONE

Il termine per partecipare alla terza edizione del concorso “Disegnare la natura” è scaduto nel giorno di Pasqua. Per concorrere alla successiva competizione bisognerà attendere fino al 31 marzo 2026.  La giuria ha deciso di prorogare di un paio di settimane la scadenza per partecipare alla terza edizione del concorso. La nuova data risulta pertanto fissata al 15 aprile 2024. L’esposizione delle opere pervenute avrà luogo al Museo di Scienze Naturali di Brescia nei primi mesi del prossimo anno. Inoltre è in programma il primo allestimento tematico con le opere delle precedenti edizioni. La giuria ringrazia gli artisti ed illustratori che hanno già inviato le loro opere da diverse località italiane confermando la notorietà dell’iniziativa oltre i confini del territorio bresciano. 

 

DISEGNARE LA NATURA  – 2

CALENDARIO 2024-2027

Marzo 2023 e marzo 2024. Le mostre delle opere della prima e della seconda edizione del concorso hanno avuto luogo presso il Museo di Scienze Naturali di Brescia. Le immagini della prima edizione sono pubblicate sul sito www.zanihome.it; su richiesta viene inviato l’URL di ogni autore. Gradualmente verranno pubblicate sul sito www.zanihome.it anche quelle della seconda edizione e segnalate, insieme alle nuove audioguide, sulla newsletter mensile “Arte e scienza online”.

15 aprile 2024, Nuova scadenza della terza edizione del concorso (max 3 opere ogni artista).

Data da stabilire, Mostra tematica con le opere che hanno preso parte alla prima e alla seconda edizione del concorso. Le successive mostre tematiche conterranno anche le opere delle edizioni seguenti.

Fine 2024 o inizio 2025, invio del verbale della giuria ai partecipanti della terza edizione del concorso.

2025, Mostra delle opere della terza edizione del concorso.

31 marzo 2026, Scadenza della quarta edizione del concorso.

2027, Mostra delle opere della quarta edizione del concorso.

Il concorso è organizzato dalle seguenti associazioni:  Associazione Amici dei Parchi e delle Riserve Naturali; Associazione Botanica Bresciana, Centro Studi Naturalistici Bresciani, Circolo Micologico “Giovanni Carini”, Gruppo Ricerche Avifauna. Per ulteriori informazioni: scienzapertuttinews@gmail.com

 

DISEGNARE LA NATURA – 3

RASSEGNA DELLE OPERE ONLINE

I lavori grafico-pittorici presentati alla prima edizione del concorso “Disegnare la natura”, esposti al Museo di Scienze Naturali di Brescia nella primavera 2023, si possono sempre visionare nella rassegna delle opere pubblicata sul sito www.zanihome.it Anche i lavori della seconda edizione verranno gradualmente pubblicati sullo stesso sito.

Ecco dove vedere le opere degli artisti che hanno preso parte alla competizione grafico-pittorica del 2023: 

SILVANA BALLINI:

https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-silvana-ballini/

RENATA BARILLI:
https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-renata-barilli/

ROBERTO BERTOLI:

https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-roberto-bertoli/

GIUSEPPINA BOSIO:

https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-bosio-giuseppina/

STEFANIA CAPELLI:

https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-stefania-cappelli/

MOIRA CASTELLANZA:

https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-moira-castellanza/

VALENTINA CROTTI:

https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-valentina-crotti/

DONATA D’ADDABBO:

https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-donata-daddabbo/

PATRIZIA DE LUCA:

https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-patrizia-de-luca/

FULVIA GRAZIA DOMANIN:

https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-fulvia-grazia-domanin/

ANNA LUISA DURANTE:

https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-anna-luisa-durante/

MARINA DURANTE:

https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-marina-durante/

MARGHERITA FERRARIS:

https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-margherita-ferraris/

MARINA FUSARI:
https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-marina-fusari-2/

SILVIA GANDINI:
https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-silvia-gandini/

DOMENICA GHIDOTTI:

https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-domenica-ghidotti/

LISA PAGNUTTI:

https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-lisa-pagnutti/

PAOLA PETRUCCI:

https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-paola-petrucci/

LUCIA PIZZOCARO:

https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-lucia-pizzocaro/

DANIELE POZZI:
https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-daniele-pozzi/

ANNA RITA RONCAGLIA:
https://zanihome.it/concorso-disegnare-la-natura-edizione-2022-opere-di-annarita-roncaglia-modena/

ANGELA MARIA RUSSO:
https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-angela-maria-russo/

ELEONORA SALA:

https://zanihome.it/disegnare-la-natura-opere-di-eleonora-sala/

MANUELA SPAGNOLI:

https://zanihome.it/disegnare-la-natura-gruccione-di-manuela-spagnoli/

 

DISEGNARE LA NATURA  – 4

L’OTTAVA AUDIOGUIDA E’ DEDICATA A MARIA BEATRICE ANANIA 

Le esperienze e le descrizioni delle opere degli artisti del concorso “Disegnare la natura” sono state raccontate in una serie di interviste. A quelle già disponibili si è aggiunta l’ottava audioguida che ci parla “della natura che insegna e trasmette valori”, temi che ispirano le opere realizzate con pastelli acquerellati e che illustrano le pagine per ragazzi scritte da Maria Beatrice Anania di Cantù (Como). L’autrice ha presentato i suoi lavori alla seconda edizione del concorso. 

Per ascoltare le sue testimonianze scrivere a: Info: scienzapertuttinews@gmail.com

Ecco l’elenco delle altre audioguide già disponibili: Renata Barilli (Sirmione, Brescia); Moira Castellanza (Castelletto Sopra Ticino, Novara); Margherita Ferraris (Genova); Silvia Gandini (Verolavecchia, Brescia); Paola Petrucci (Ariccia, Roma); Daniele Pozzi (Poncarale, Brescia); Angela Maria Russo (Roma). 

https://www.facebook.com/photo/?fbid=579558437533997&set=pb.100064395383840.-2207520000.

 

FOTOGRARE GLI ANIMALI E …IL BUIO!

L’Associazione Amici dei Parchi e delle Riserve Naturali, in collaborazione con il Centro Studi e Ricerche Serafino Zani, organizza una proiezione sulla fotografia naturalistica. Avrà luogo il 17 aprile 2024, alle ore 21, nella sala di via Campo Marte 3, a Brescia. Conduce la serata, che avrà per titolo “Introduzione alla fotografia della fauna selvatica”,  Emanuele Forlani (Centro Studi Naturalistici Bresciani). Il relatore suggerirà ai neofiti della fotografia come catturare inquadrature naturalistiche accessibili a tutti, ovvero l”abc” per chi desidera avvicinarsi non solo con gli occhi, ma rubando qualche scatto, alle meraviglie che ci circondano, con una particolare attenzione alla fotografia della fauna selvatica, soprattutto dell’avifauna. Non solo “tecnica” ma anche “etica” della fotografia.

Restiamo in tema di fotografia anticipando che a fine estate, a Lumezzane, avrà luogo un incontro dal titolo “Scatti al buio: come fotografare in condizioni di scarsa luminosità…stelle comprese!” Si tratta di una proiezione divulgativa per i principianti a cura di Luigi Cocca (Osservatorio Serafino Zani – Photoclub Lumezzane). Nella seconda parte della serata verranno descritte le tecniche per catturare la luce delle stelle con un comune apparecchio fotografico. Verranno mostrati diversi esempi di fotografie che abbinano i corpi celesti con paesaggi antropici, orizzonti naturali, soprattutto nei luoghi protetti dall’inquinamento luminoso. Per conoscere data e luogo dell’evento scrivere a:

scienzapertuttinews@gmail.com

https://www.facebook.com/photo/?fbid=828011102688728&set=a.465681462255029

 

OCCHIO ALLO SPAZIO 24 

SIGLE MISTERIOSE, TRAIETTORIE TRA CIELO E TERRA E DESTINI IMPREVISTI

12P e 18S condividono traiettorie che si tracciano sulle mappe, quelle del cielo per la prima, quelle terrestri per il secondo. Si tratta di percorsi più stabili per 12P, decisamente imprevedibili per il secondo. Entrambi i fenomeni condividono anche la difficoltà di stabilire a priori come si manifesteranno. 12P sarà più luminosa del previsto? Invece quanta energia libererà 18S? Le conseguenze possono essere molto pesanti, perché 18S è la sigla di uno dei tanti cicloni tropicali che vengono monitorati dallo spazio, attraverso i satelliti, e dei quali viene disegnata la “track”, ovvero la traiettoria che nel corso dei giorni evidenzia le aree del pianeta interessate dal passaggio dell’intensa perturbazione atmosferica. Invece 12P è la sigla di una delle tante comete attratte dal Sole che raggiungono la nostra stella modificando radicalmente la loro forma. Avvicinandosi al Sole il ghiaccio, che ricopre la superficie delle comete, sublima e genera una vistosa chioma che avvolge il nucleo cometario e forma una coda, più o meno lunga, che si sviluppa sempre dalla parte opposta al Sole. La luminosità dell’astro caudato viene calcolata in anticipo, ma è sempre possibile che imprevedibili distacchi di materiale cometario possano aumentare o ridurre lo splendore dell’oggetto celeste. Il comportamento di cicloni e comete non può essere calcolato con certezza e le conseguenze sono ben diverse. Il passaggio di un ciclone potrebbe essere disastroso nei luoghi che attraversa, mentre l’eventuale aumento di splendore di una cometa si traduce solo in una splendida visione, magari ad occhio nudo, di uno dei più affascinanti oggetti celesti.

Il ciclone tropicale 18 S si era formato nel marzo scorso al largo della costa nord-occidentale dell’Australia. 

Ecco dove vedere l’immagine ripresa il 17 marzo 2024: https://www.facebook.com/photo/?fbid=7649523528402975&set=gm.7334448023297577&idorvanity=201542343254883

Invece la cometa 12P/Pons-Brooks è stata fotografata da diversi appassionati del cielo notturno ed osservata anche con piccoli strumenti, come i binocoli di almeno 11 ingrandimenti e 80 mm di diametro. Nella settimana prima di Pasqua un osservatore visuale aveva stimato che l’oggetto cometario aveva raggiunto la quinta magnitudine.

Ogni giorno il planetarista Luca Talamoni osserva la situazione meteorologica della Terra attraverso le telecamere delle sonde spaziali. Le immagini che seleziona diventano protagoniste delle puntate di “Occhio allo spazio”. Tutte quelle precedenti sono pubblicate su “Arte e scienza online” e disponibili sulle pagine del sito www.zanihome.it.

 

Ecco dove trovare le ultime due puntate:

OCCHIO ALLO SPAZIO 22

CON DARWIN TAPPA TRA LA REUNION E MAURITIUS 

https://zanihome.it/arteescienza-febbraio-2024-n-429/

OCCHIO ALLO SPAZIO 23 

IERI  A PIEDI DALLA RISERVA NATURALE ALL’ISOLA, OGGI INVECE…

https://zanihome.it/arte-e-scienza-online-%e2%80%a2-marzo-2024/

 

DAGLI SCATTI ALLE MATITE E AI PENNELLI: IMMAGINI A CONFRONTO

DAL PARCO DELLE OROBIE VALTELLINESI ALLA NATURA DISEGNATA

E’ dedicato al Parco delle Orobie valtellinesi un bel libro di ampio formato, riccamente illustrato, pubblicato nell’anno 2022. L’ideazione, il design, i testi e le fotografie sono a cura di Elio Della Ferrera. La porta del Parco coincide con il centro visitatori di Albaredo sulla via che conduce al Passo di San Marco (1991 m), lungo l’antica strada Priula. Risale al 1592. Un secolo dopo la scoperta dell’America si poteva così raggiungere la città di Bergamo dal paese di Morbegno. 

Il libro ci ha offerto lo spunto per creare dei collegamenti tra le immagini fotografiche e i lavori grafico-pittorici che sono stati presentati al concorso “Disegnare la natura”. Abbiamo così aperto il volume a pagina 29 dove compaiono i colorati cuscinetti di androsace orobia (Androsace brevis) che nell’inquadratura scelta dall’autore sembrano protetti dalla grande roccia sovrastante ricoperta di licheni. Questi straordinari organismi viventi, frutto della simbiosi tra un’alga e un fungo, li abbiamo accostati ai licheni eseguiti ad acquerello dall’illustratrice milanese Anna Luisa Durante. 

https://www.facebook.com/photo/?fbid=821178833371955&set=a.465681462255029

Si tratta di una delle opere che hanno preso parte alla prima edizione del concorso “Disegnare la natura”. Le altre opere che hanno partecipato al concorso si possono visionare sul sito www.zanihome.it 

 

 

IL CALENDARIO DELLE CUPOLE CELESTI ITALIANE

Sono numerosi gli eventi del calendario annuale che hanno come punto di riferimento il Planetario di Lumezzane e che riguardano Giornate a tema, concorsi e meeting nazionali ed internazionali, esperienze all’estero e con colleghi stranieri. A fine marzo sono  scaduti i termini per partecipare a due concorsi, il “Premio Planit” e il “Premio Lara Albanese”. In una delle precedenti edizioni il premio era stato vinto da Claudio Bontempi dell’Osservatorio Serafino Zani con il progetto del kamishibai, il teatrino itinerante  con il quale vengono raccontate le favole del cielo. Il teatrino arriva nelle scuole dove Bontempi presenta il libro “L’astronomia spiegata alle bambine e ai bambini” uscito in occasione del trentennale della specola lumezzanese. Invece per quanto riguarda i Meeting quello più importante riunisce ogni anno i planetari italiani (quello del 2024 avrà luogo dal 26 al 28 aprile a Padova). Ricordiamo che la prima edizione del congresso dei planetari si svolse nel lontano 1986 a Brescia. Per quanto riguarda le collaborazioni internazionali vanno menzionate le “Two weeks in Italy”, alla quale ogni planetario può aderire, e la “Week in US” che ogni anno offre la possibilità di un soggiorno settimanale organizzato da un planetario statunitense. L’iniziativa americana è piuttosto recente e prende spunto da quella italiana che iniziò quasi trent’anni fa. Lunedì 22 aprile, alle ore 16.30, presso la biblioteca di Lumezzane, avrà luogo la tappa bresciana del lungo tour di lezioni che quest’anno sono state affidate a Kenneth Brandt, il docente che ha vinto le “Two weeks in Italy” del 2024. L’incontro è aperto al pubblico 

(per informazioni e prenotazioni; osservatorio@serafinozani.it

Kenneth Brandt dirige il Robeson Planetarium and Science Center (Lumberton, North Carolina, USA). Nel suo curriculum vanta inoltre i seguenti incarichi: NASA/JPL Solar System Ambassador; è membro dell’IPS Education Committee; nel biennio 2016-17 era stato eletto presidente della SouthEastern Planetarium Association.

Infine il 7 maggio, in occasione della Giornata internazionale dei planetari, sarà aperto alle ore 21 il Planetario di Lumezzane. Proprio nel Bresciano, nel lontano 1991, nasceva l’idea di coinvolgere i planetari italiani nell’organizzazione di una giornata nazionale dei “cieli artificiali” da far coincidere con l’equinozio di marzo.

 

ARCHIVIO ARTE E SCIENZA ONLINE 

MARZO 2024 – n. 430

https://zanihome.it/arte-e-scienza-online-%e2%80%a2-marzo-2024/

 

 

NOT ONLY STARS: DAL PONTE “BAILEY”  A “GREENWASHING”

FINESTRE SUL CIELO: SORELLE CELESTI, PIANETI GIGANTI ED EQUINOZI

ALLA SCOPERTA DELLA NATURA DI PROSSIMITA’: DALLE COLLINE DI BRESCIA ALL’ALTO GARDA, DAI GUFI “STELLATI” AL TOUR GEOLOGICO

RADIO St.Ar.S.: DALLA VIA LATTEA ALLE LUNE DIPINTE, BUCHI NERI COMPRESI!

GRUPPO DI LETTURA “LIBRI AL MUSEO”: “WASHINGTON SQUARE” DI HENRY JAMES

LE SCIENZE NATURALI CON MATITE E ACQUERELLI: ANTEPRIMA CALENDARIO 2025-2026 – “DISEGNARE LA NATURA” RADDOPPIA 

GEMELLAGGI “CELESTI” DALLE VALLI BRESCIANE ALLE SPIAGGE ROMAGNOLE

OCCHIO ALLO SPAZIO 23: IERI  A PIEDI DALLA RISERVA NATURALE ALL’ISOLA, OGGI INVECE…

IL PLANETARISTA AMERICANO LIGGINS VINCE IL PREMIO “PAGINE DI STELLE”

CIELI PERDUTI: OSSERVAZIONI A 360 GRADI NEI PARCHI NATURALI

SCAFFALI “ANIMATI”: NON SOLO PRESTITI NELLE BIBLIOTECHE TRIUMPLINE

 

 

Il programma “Arte e scienza online” è redatto a cura di Loris Ramponi